News AEFI

Intensa la seconda giornata del Festival delle Foreste a Longarone Spettacolari e istruttive le dimostrazioni in Cansiglio

Dopo l’inaugurazione di ieri a Longarone del Festival delle Foreste, al via oggi in Cansiglio la prima delle due giornate dimostrative della Fiera. Molto l’interesse e buona l’affluenza per le Visite guidate che illustrano i nuovi macchinari presenti in fiera, nonché i due cantieri forestali organizzati rispettivamente da Veneto Agricoltura (espianto ceppaie e riqualificazione terreno) e dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia (assegno taglio piante e nuove tecniche di realizzazione della viabilità forestale). L’ingresso è gratuito, previa registrazione presso l’esposizione Pian Rosada (Orari e informazioni più dettagliate su www.longaronefiere.it).

Mentre a Longarone gli appuntamenti si sono aperti anche oggi alle 9.00 nella sala Piave della fiera con l’incontro con i Consorzi forestali per la gestione multifunzionale del bosco “Promuovere la creazione di nuove strutture associate o consortili per la gestione delle proprietà silvo-pastorali (pubbliche, private e collettive), al fine di contrastare il frazionamento delle proprietà stesse, incrementare la pianificazione, valorizzare le vocazioni produttive, ambientali e sociali locali e sostenere lo sviluppo ed il rafforzamento delle reti di imprese” organizzato dalla Coldiretti Belluno. Alle 10.30  si è discusso del Piano strategico per il riposizionamento competitivo della filiera del legno con il convegno “Quali prospettive alla luce dei risultati del progetto CORE WOOD della RIR” organizzato da ForestaOroVeneto. A conclusione del progetto CORE-WOOD ci si propone di presentare i risultati definitivi delle azioni sviluppate dal sistema delle imprese e dal mondo accademico per il riposizionamento competitivo della filiera del legno. Non è mancato il ricordo di Vaia con l’incontro basato sul tema dell’Energia nel periodo post-VAIA con un focus sulla certificazione dei biocombustibili dove sono state mostrate le ultime evoluzioni del processo di certificazione, in preparazione dell’introduzione delle novità normative prescritte dal Clean Air Dialogue di giugno 2019, ovvero l’introduzione della certificazione anche per le biomasse in forma di legna, cippato e bricchette per l’accesso ai meccanismi incentivanti. Sempre su Vaia, nella Sala Battista COSTANTINI, alle 9.00 si è parlato del contributo della ricerca a due anni dalla tempesta e del ruolo del Dip. Territorio e Sistemi Agro-forestali (TESAF) dell’Università di Padova. Questo perché a più di venti mesi dalle tragiche giornate in cui la tempesta Vaia infuriò sui territori del Nordest sono ancora presenti in maniera evidente i segni dei danni materiali, economici e sociali causati dall’evento meteorico. In questi momenti è importante che, da un lato, si tenti un bilancio su ciò che è stato fatto in termini di recupero e ripristino e, dall’altro, si consideri quello che deve essere ancora fatto per riportare a una condizione di normalità il territorio montano, con particolare riferimento alla sicurezza di persone e cose. La ricerca universitaria ha fin da subito fornito il supporto tecnico-scientifico alle autorità e alle organizzazioni intervenute nell’ambito dell’emergenza che si è venuta a creare immediatamente dopo la tempesta. Poi un occhio di riguardo alle problematiche fitosanitarie, gestionali e prospettive future nei boschi del nordest d’Italia. Il convegno, organizzato dalla Regione Autonoma FVG, ha fatto il punto su uno dei temi più importanti e critici del dopo Vaia: lo stato fitosanitario, gestionale e le prospettive future dei boschi del nord est, attraverso l’illustrazione delle diverse realtà colpite e il monitoraggio effettuato da esse in collaborazione con l’Università di Padova. Alle 13.00 un omaggio con un Concerto evento con performance dal vivo tra danza, pianoforte e musica. A chiudere due incontri importanti, mentre erano in pieno svolgimento le visite guidate. Il CFS ha ottenuto il finanziamento dalla Regione del Veneto a valere sulla DGR 765/19 (Work experience per i giovani) per la formazione di una figura professionale nuova e preparata su argomenti specifici per operare in cantieri edili montani, ispirandosi alle necessità che si sono presentate alle aziende nella gestione del territorio post Vaia e un approfondimento sul percorso del legno dal luogo di origine alla posa in opera e la nuova certificazione di Catena di Custodia PEFC: cosa è cambiato e quando entrerà in vigore.

Il Festival delle Foreste e i cantieri dimostrativi continuano anche domani a Longarone e in Cansiglio.

Tutto il programma disponibile su www.longaronefiere.it/fiera-festival-foreste

Newsletter

ultimi tweet