News AEFI

IL ROADSHOW DI FIERAGRICOLA FA TAPPA A EBOLI, IN CAMPANIA. FOCUS SU TRACCIABILITÀ, ZOOTECNIA DI PRECISIONE ED ECONOMIA CIRCOLARE

Verso la 114ª edizione della manifestazione a Veronafiere (29 gennaio-1 febbraio 2020)

Verona, 10 luglio 2019 – Tracciabilità del prodotto, zootecnia di precisione ed economia circolare come elementi chiave per trascinare un territorio come quello campano, proiettato ormai nell’olimpo del Made in Italy, grazie all’effetto della Mozzarella di Bufala campana Dop.
Sono questi alcuni dei temi portanti della terza tappa del Roadshow di Fieragricola – rassegna internazionale dedicata all’agricoltura in maniera trasversale, in calendario a Verona dal 29 gennaio all’1 febbraio 2020 – organizzata a Eboli (Salerno), alla fine di giugno.

«Tutto il mondo agricolo del Sud sta rispondendo positivamente al Roadshow di Fieragricola – dichiara Luciano Rizzi, Exhibition manager Agriexpo & Technology – con una marcata attenzione alla zootecnia, pilastro fondamentale della rassegna internazionale di Verona, con oltre 900 animali in esposizione. Inoltre, Veronafiere promuoverà formule privilegiate per agevolare la presenza di allevatori campani a Fieragricola».

«La Campania fa leva proprio sul comparto zootecnico per rilanciare la propria economia territoriale – spiega Fabian Capitanio, docente di Economia agraria all’Università Federico II di Napoli –. I dati molto lusinghieri del consorzio della Mozzarella di Bufala campana Dop evidenziano la crescita che ha portato all’affermazione anche su scala internazionale di un prodotto simbolo del Made in Italy agroalimentare».

Secondo i dati del Consorzio guidato da Domenico Raimondo, infatti, nel triennio 2016-2018 le esportazioni – dirette prevalentemente in Germania, Francia, Regno Unito, Paesi Bassi, Spagna e Stati Uniti – hanno rappresentato circa il 32% del totale in termini di quantità, trascinando l’immagine di un prodotto d’eccellenza come la Mozzarella di Bufala campana.

Allo stesso tempo, analizza Giuseppe Campanile, docente di Zootecnia speciale al Dipartimento di Veterinaria e Produzione animale, «le performance locali invitano a concentrarsi su temi che anche la prossima Politica agricola comune individua come centrali: l’economia circolare, con particolare riferimento alla valorizzazione dei nitrati e del digestato in ambito energetico e ambientale; la zootecnia di precisione per ottimizzare le risorse, migliorare la redditività e il benessere animale; l’etichettatura e la tracciabilità, per valorizzare una filiera locale prestigiosa». E i riflessi della «Blue economy», secondo il prof. Campanile, «si ripercuoteranno anche sulla salubrità delle produzioni».

Per il sindaco di Eboli, Massimo Cariello, «la presenza di Fieragricola, una delle manifestazioni dedicate all’agricoltura più importanti a livello europeo, fa capire come un territorio come quello della Piana del Sele rappresenti un’eccellenza riconosciuta a livello europeo, tra ortofrutta, quarta gamma e zootecnia. Il 75% del nostro Pil – ricorda – arriva dall’agroalimentare tipico. L’agricoltura deve essere incentivata nelle proprie dinamiche di innovazione, perché solo così può continuare ad accompagnare la crescita dell’area».

Dopo le tappe in Emilia-Romagna, Sicilia e Campania, il Roadshow di Fieragricola toccherà Sardegna (settembre), Lombardia (ottobre, evento live), Puglia e Basilicata (novembre), Calabria (dicembre).

Newsletter

ultimi tweet