News AEFI

FIERE, DL SOSTEGNI (AEFI): CON NUOVO FONDO SEGUIRE STRADA TEDESCA, IN DEROGA A DE MINIMIS DANESE: ITALIA A RISCHIO BEFFA, NORMA UE CONTRO CONCORRENZA SLEALE FAVORISCE PRINCIPALE COMPETITOR

“Nel nuovo Dl sostegni riscontriamo una novità che sulla carta potrebbe andare nella direzione auspicata dal sistema fieristico italiano e già seguita dalla Germania, che è riuscita ad attivare per le fiere un sussidio a fondo perduto da 642 milioni di euro in deroga alla norma Ue relativa al regime ‘de minimis’. I tedeschi hanno fatto da apripista, basterebbe seguire la loro strada altrimenti al danno dei mancati ristori si aggiungerebbe la beffa, con il primo player fieristico europeo avvantaggiato sul suo principale competitor proprio dalla norma sugli aiuti di Stato che dovrebbe tutelare dalla concorrenza sleale”. Lo ha detto oggi il presidente di Aefi, l’Associazione esposizioni e fiere italiane, Maurizio Danese, a commento del nuovo decreto legge licenziato venerdì scorso dal Consiglio dei ministri.

“Il nuovo fondo – ha aggiunto Danese – è inserito nell’articolo 38 (comma 3) del decreto, che prevede un plafond di 100 milioni di euro istituito presso il ministero del Turismo. Questo fondo, si spera rifinanziabile, rappresenta una novità perché per ora non si lega a quanto già stanziato e difficilmente erogabile a causa dei limiti imposti da Bruxelles, che oggi hanno permesso di erogare solo il 4% dei 408 milioni di euro a fondo perduto concessi. Nel decreto – ha aggiunto il presidente Aefi – anche l’ulteriore fondo da 150 milioni di euro in dote al Maeci, che se da una parte non supera i limiti normativi imposti dall’Ue, dall’altra ne recepisce l’apprezzato innalzamento del plafond legato ai costi fissi non coperti da ricavi, portato su questa voce da 3 a 10 milioni di euro”.

Secondo le analisi di Aefi, che riunisce il 96% degli operatori fieristici del Paese, con questo impianto restrittivo difficilmente però i fondi potranno essere erogati integralmente: per questo l’associazione auspica che il Governo italiano intraprenda la strada maestra già aperta dalla Germania, andando in deroga alla norma sul ‘de minimis’ facendo riferimento all’articolo 107 paragrafo 2, lettera b del trattato che rende ammissibili gli aiuti senza limiti, riconoscendo il Covid-19 come un evento eccezionale. Una strada che permette alle fiere tedesche adeguato ristoro a copertura dei costi fissi sostenuti.


AEFI-Associazione Esposizioni e Fiere Italiane Associazione privata senza scopo di lucro nasce nel 1983 con l’obiettivo di generare sinergie tra i più importanti quartieri fieristici italiani. Oggi conta 40 Associati, che organizzano oltre 1.000 manifestazioni all’anno su una superficie espositiva totale di 4,2 milioni di metri quadrati. Nei quartieri fieristici associati AEFI si svolge la quasi totalità delle manifestazioni fieristiche internazionali e nazionali che hanno luogo annualmente in Italia. Le fiere italiane generano un business di circa 60 miliardi di euro anno. www.aefi.it

Newsletter

ultimi tweet