News AEFI

A BOLOGNA IL MEETING AUTUNNALE DELLA COMMISSIONE TECNICA AEFI FOCUS SULLA GESTIONE DELLE EMERGENZE IN SITUAZIONI COMPLESSE

Si è riunita, presso il Palazzo dei Congressi di BolognaFiere, la Commissione Tecnica di AEFI che ha visto la partecipazione di numerosi Direttori Operations delle fiere associate. Tema dell’incontro, l’attività condotta dall’Associazione durante i difficili mesi che hanno preceduto le riaperture, con un focus sulla gestione delle emergenze in situazioni complesse e di calamità naturale.

In apertura ai lavori il Segretario Generale Loredana Sarti ha ricordato gli interventi effettuati dall’Associazione, illustrando in primo luogo l’importante attività formativa, sia in ambito digitale che in merito alle implicazioni tecniche e giuridiche dei diversi decreti, per supportare gli associati con strumenti adeguati ad affrontare l’emergenza sanitaria e la riapertura.

Fondamentale è stata anche l’attività di lobby di AEFI in particolare per l’inserimento nei diversi provvedimenti governativi di interventi a favore del settore e a supporto delle riaperture. II Segretario Generale ha inoltre sottolineato l’importante e indispensabile lavoro della Commissione Tecnica nella definizione di modalità e procedure per permettere ai quartieri associati di riaprire ed operare in totale sicurezza.

Nazario Pedini, Coordinatore della Commissione Tecnica, ha sintetizzato il lavoro svolto e il processo che ha portato alla validazione del protocollo di sicurezza di AEFI da parte del Comitato Tecnico Scientifico. Pedini ha poi fornito aggiornamenti sull’applicazione del protocollo nei diversi quartieri fieristici, dopo la riapertura di settembre, e i necessari adeguamenti in relazione alle diverse tipologie di manifestazioni.

Tra le numerose iniziative di AEFI, anche la proposta – recepita nel DPCM del 7 settembre 2020 – della nuova normativa per la creazione di corridoi privilegiati in aeroporto per buyer, visitatori ed espositori esteri che intendono partecipare alle manifestazioni fieristiche in Italia.

La riunione è proseguita con un focus su “La gestione delle emergenze in situazioni complesse e di calamità naturale”.
Grazie agli interventi di Rudolf Pollinger, Direttore Agenzia Provinciale Protezione Civile Alto Adige, e di Giorgio Gaier, già Direttore tecnico di Fiera Bolzano e Presidente Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico CNSAS di Bolzano, si è approfondito il tema della gestione dell’emergenza che, per essere efficace, deve essere strutturata ed adeguatamente programmata.

Dai contributi dei relatori è emerso il ruolo fondamentale di una preparazione preventiva nell’affrontare le diverse problematiche di una emergenza e la possibilità di applicare gli stessi principi anche per la gestione delle fiere che possono essere intese come piccole città.
Le fiere sono risorse strategiche, non solo da un punto di vista economico, ma anche quali ricoveri temporanei durante l’organizzazione e la gestione delle emergenze. Oltre ad avere ampi spazi e tutte le facilities, i padiglioni fieristici sono sicuri in quanto collaudati e normativamente in regola per ospitare eventi a “rischio elevato”. Sono un esempio il Quartiere Fieristico di Bergamo, che durante l’emergenza Covid-19 in 11 giorni è stato attrezzato ad ospedale, e la struttura di Fiera Milano City al Portello.

Giovanni Giuliani, CEO di BF Servizi, ha infine illustrato il progetto dell’ampliamento tecnologico-strutturale del Quartiere Fieristico di Bologna, focalizzandosi in particolare sul padiglione 37 in fase di realizzazione. Si tratta di uno spazio di 15.000 mq, situato nella zona centrale del quartiere fieristico, con la peculiarità del tetto apribile che permette la multi-funzionalità del padiglione, da area espositiva coperta a parcheggio, a spazio per la logistica degli allestimenti fino all’organizzazione di eventi all’aperto.

È seguita una visita ai “nuovi” padiglioni e alla manifestazione SAIE, in corso a BolognaFiere.

AEFI-Associazione Esposizioni e Fiere Italiane, associazione privata senza scopo di lucro nasce nel 1983 con l’obiettivo di generare sinergie tra i più importanti quartieri fieristici italiani. Oggi conta 40 associati, che organizzano oltre 1.000 manifestazioni all’anno su una superficie espositiva totale di 4,2 milioni di metri quadrati. Nei quartieri fieristici associati AEFI si svolge la quasi totalità delle manifestazioni fieristiche internazionali e nazionali che hanno luogo annualmente in Italia.

È interlocutore privilegiato per gli operatori e le istituzioni e svolge un ruolo di sostegno per gli associati attraverso lo sviluppo di attività e programmi nell’ambito della formazione, del marketing, della promozione e della ricerca, oltre all’erogazione di servizi per le fiere attraverso l’attività delle proprie Commissioni: Tecnica di Quartiere, Giuridico-Amministrativa, Internazionalizzazione e Fiere in Rete. Sul fronte dell’internazionalizzazione, AEFI supporta gli associati grazie ad accordi con mercati strategici. Ad oggi sono state siglate partnership con Iran, Taiwan, Libano, India, Thailandia, Sud Africa e Polonia, con AmCham-American Chamber of Commerce in Italy, con CENTREX-International Exhibition Statistics Union e con EUPIC-EU Project Innovation Center. Un protocollo d’intesa è stato inoltre siglato con SACE e SIMEST.

AEFI ha promosso la costituzione di ISFCert, l’Istituto di Certificazione dei Dati Statistici Fieristici, che attraverso rigorose metodologie consente agli organizzatori italiani di presentare e riconoscere dati standardizzati, in nome della trasparenza e garanzia.
AEFI rappresenta le fiere italiane in UFI-Unione delle Fiere Internazionali.

Newsletter

ultimi tweet