Missione in ANGOLA ed ETIOPIA

Filiere Agroalimentare e Zootecnica, 24-30 novembre 2019

Parte dall’Africa, e precisamente da Angola e Etiopia, la prima missione promossa da AEFI e realizzata con la collaborazione di ICE Agenzia, non solo per promuovere le fiere italiane all’estero, ma anche per accompagnare le imprese italiane in mercati nuovi e particolari, che proprio per queste loro caratteristiche spesso dissuadono da azioni di scouting individuale.

Oggetto dell’iniziativa, che scaturisce dall’attività della Commissione Internazionalizzazione di AEFI, coordinata da Renzo Piraccini, è la filiera agro-alimentare.

Dal 24 al 30 novembre, nove aziende italiane, coinvolte attraverso le proprie manifestazioni fieristiche di riferimento, avranno modo di presentarsi agli operatori locali e di approfondire i rapporti attraverso incontri individuali opportunamente calendarizzati secondo le rispettive aspettative/esigenze.

Interventi istituzionali, contributi su modalità di finanziamento e assicurazione e visite aziendali completeranno il programma della missione, puntando a realizzare un contesto positivo, affidabile e orientato allo sviluppo di rapporti duraturi.

Un chiaro interesse per il continente africano era già stato espresso lo scorso anno, con la sottoscrizione del MoU con AAXO (Association of African Exhibition Organizers), che tuttora offre l’opportunità di un costante scambio di informazioni, conoscenza reciproca e contatti.

In particolare:

  • l’Angola ha avviato un processo di diversificazione dell’economia che, insieme ad una maggiore apertura ai capitali ed investitori internazionali, rappresenta un buon presupposto per un impegno prioritario dell’imprenditoria italiana. La ricchezza del Paese dal punto di vista delle risorse naturali e minerarie e il processo di internazionalizzazione del Paesi offrono importanti opportunità di sviluppo potenziale in un’ampia gamma di comparti economici. In particolar modo l’industria agroalimentare (in termini di produzione e macchinari) suggerisce un consistente potenziale in termini di risorse, acqua e terre coltivabili.
  • Sul fronte del prodotto destinato alla commercializzazione, il Paese non ha ancora sviluppato una propria industria alimentare capace di soddisfare la domanda interna di beni alimentari e importa grandi quantità di beni in questo settore;
  • gli importanti tassi di crescita conosciuti negli ultimi anni dall’Etiopia (in particolar modo nell’ambito dei settori agricolo e dei servizi), oltre alle consistenti prospettive di crescita demografica, attribuiscono al paese un ruolo chiave nel contesto di sviluppo economico e politico dell’Africa sub-sahariana. Il settore più importante è rappresentato dall’agricoltura (80% dell’occupazione e circa il 45% del PIL) e sono in atto politiche governative volte a sviluppare il settore colmandone le carenze strutturali e ad aumentarne la produttività. Si presentano in particolar modo prospettive interessanti per impianti destinati a fabbriche di prodotti alimentari e per macchinari e prodotti da imballaggio e confezionamento.

Per maggiori informazioni: international@aefi.it

Newsletter

ultimi tweet