Aefi - Associazione esposizioni e fiere italiane

News

25.07.2018

FIERA DI SANT'ALESSANDRO 2018 IL MEGLIO DELLA FILIERA AGROALIMENTARE A PORTATA DI MANO IN CITTA'

manifestazione

Alla Fiera di Bergamo il ritorno in città dopo la pausa estiva coincide con uno degli appuntamenti più amati: da venerdì 31 Agosto (apertura 14.30) a domenica 2 Settembre, puntuale come la programmazione che scandisce il lavoro nei campi e nelle aziende agricole, torna infatti la Fiera di Sant’Alessandro (FdSA), evento tanto caro agli operatori e al grande pubblico di appassionati dedicato alla sempre più variegata filiera agroalimentare.

Organizzata da Bergamo Fiera Nuova ed Ente Fiera Promoberg, con 50mila metri quadrati di superficie (al coperto e in area esterna) dedicati all’evento, la manifestazione richiama nel capoluogo orobico tutte le principali componenti del mondo contadino. Dall’agricoltura alla zootecnia, dai macchinari (compresi quelli da campo aperto) alle nuove tecnologie della filiera agroalimentare 2.0, dalle rassegne ai concorsi, passando per l’ampia vetrina dedicata all’enogastronomia, per chi varca la soglia dell’evento che rappresenta una grande festa e un importante centro per il business dedicato al mondo rurale, c’è solo l’imbarazzo della scelta. 

La kermesse – le cui origini si perdono nella notte dei tempi: quasi dodici secoli fa, per ringraziare e festeggiare da parte della comunità (praticamente tutta contadina) il Santo Patrono di Bergamo - è diventata con lo scorrere del tempo un consolidato punto di riferimento, a livello regionale, per tutti gli operatori e appassionati del settore primario. Per le aziende (molte quelle proveniente da fuori provincia), sia un “tirare le somme” dopo un anno di duro lavoro anche contro le avversità meteorologiche, sia una grande opportunità per concludere affari importanti; per il grande pubblico, il meglio del mondo contadino in città: un incontro pieno di emozioni in quella che è a tutti gli effetti una grande e moderna azienda agricola con il meglio della produzione e dei servizi. Sottolineando la bontà del format, i visitatori continuano a premiare l’appuntamento con il mondo rurale. Lo scorso anno sono state oltre 45mila le persone arrivate al polo fieristico in via Lunga da tutta la regione (ma non sono mancati gli arrivi da tutto il Nord Italia), per un evento che ha il merito di presentarsi ogni anno rinnovato, spesso anticipando nuovi trend del mercato e dando spazio alla qualità e alle innovazioni tecnologiche. 

 

Il successo della FdSA è dovuto principalmente alla qualità degli espositori e alla volontà degli organizzatori di intercettare i nuovi trend di mercato in grande trasformazione, rivolgendo un’attenzione particolare alle innovazioni e alle nuove generazioni, che vedono nel settore primario (l’unico con dati positivi anche durante i duri anni della crisi) anche una nuova e importante opportunità professionale. 

Con l’obiettivo di sostenere concretamente le imprese e il pubblico, anche quest’anno è confermato l’ingresso gratuito per l’interna giornata inaugurale di Venerdì 31 Agosto (orari 14.30 – 22.30).

Tra le novità principali, per ottimizzare l’operatività degli espositori e la visita del pubblico, è stato prolungato l’orario di apertura di sabato (dalle 9 alle 22.30; domenica invece dalle 9 alle 19). Inoltre, importante riconoscimento per il concorso internazionale Purosangue Arabi, che alla sesta edizione viene promosso dalla categoria C alla B, quella che precede gli appuntamenti internazionali al top.

Oltre al Concorso equestre, tra gli appuntamenti più attesi si conferma la storica rassegna bovina con il concorso e la premiazione delle tre "Regine di Razza della Mostra" (Frisona, Bruna e Red Holstein); la rassegna di ovicaprini; le amatissime degustazioni enogastronomiche; i convegni tecnici dedicati ad alcuni dei temi più attuali per il settore. Per far avvicinare i più piccoli al mondo agricolo, oltre alla possibilità di toccare con mano tanti animali da fattoria, anche quest’anno si potrà effettuare l’attesissimo battesimo della sella.

“La manifestazione, con espositori provenienti da tutta Italia, pur restando per il grande pubblico una “festa popolare”, è un importante e consolidato punto di riferimento economico per la filiera agro-alimentare – osserva Paolo Malvestiti, Presidente della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Bergamo -. L’esempio più bello di “COME” e “QUANTO” il settore Primario si sia sviluppato, grazie a passione, competenze e innovazioni tecnologiche capaci di alzare costantemente la qualità dei prodotti e dei servizi. Una filiera con 5mila imprese e circa 8mila addetti operanti sul nostro territorio che dà risultati importanti per la nostra economia: infatti, negli anni della crisi, il settore Primario, soprattutto grazie all’export, ha sostenuto l’economia nazionale. Anche per la 15a edizione presso la Fiera di Bergamo, gli organizzatori dell’evento - Bergamo Fiera Nuova e Promoberg - a cui vanno i miei ringraziamenti, sono riusciti a mettere in vetrina il meglio del settore. Il successo della manifestazione è frutto anche di un efficace gioco di squadra che ha visto protagonista la Camera di Commercio di Bergamo, che ha messo a disposizione un importante contributo economico. Ciò ha consentito, con un notevole sforzo organizzativo, di confermare l’ingresso gratuito per la giornata inaugurale del venerdì, e di allestire un evento di altissimo spessore, con costi molto contenuti a carico delle aziende espositrici”. 

“Le fiere sono sempre occasione di incontro, di scambio, di confronto – sottolinea Luigi Trigona, Segretario Generale di Ente Fiera Promoberg -. Ma sono anche il termometro della situazione economica e produttiva di un territorio. La millenaria Fiera di Sant’Alessandro non sfugge a questa regola. Da sempre è l’atteso momento di riferimento e di misura per l'imprenditoria agricola. La crisi ci ha indubbiamente cambiato. Stiamo imparando a vivere sprecando meno energia, utilizzando sistemi produttivi più puliti e sostenibili, consumando meno territorio, riutilizzando di più e meglio ciò che prima avremmo buttato. 

 

 

In tal senso – prosegue Trigona - la Fiera di Sant’Alessandro è un grande esempio di come la piccola e media impresa italiana possono dimostrare al mondo quanto l’inventiva, la professionalità e la qualità non siano appannaggio dei grandi gruppi, ma possano scaturire dal lavoro e dal sacrificio anche di poche persone, che spesso rischiano da soli tutto quello che hanno, ma amano il loro lavoro, la loro peculiare identità, sanno stare al passo con i tempi, anzi, li precorrono, rischiando spesso ben più di quanto possano poi effettivamente sperare di ricavare. E questo perché amano il loro lavoro, amano la propria azienda e i propri dipendenti, perché sanno di essere in fondo depositari di una missione che va al di là del mero business commerciale e del facile guadagno, tanto inseguiti in altri mondi professionali”.

I NUMERI PRINCIPALI* (PROVVISORI) DELLA FdSA 2018

* Tenendo conto che alla data odierna (25 luglio 2018) si è ancora in piena fase commerciale (prenotazioni e conferme imprese espositrici), i numeri riportati di seguito, destinati ad aumentare, sono da ritenersi quindi provvisori. Inoltre, il capitolo riguardante la provenienza delle imprese è doppiamente incompleto in quanto, oltre alle imprese che confermeranno la loro presenza nelle prossime settimane, mancano gli allevamenti che parteciperanno al concorso internazionale cavalli purosangue arabi, le cui iscrizioni si chiudono ad agosto.

 

Alla data del 25 luglio 2018 sono 155 le imprese che si sono già riservate un posto da protagoniste alla FdSA 2018, in rappresentanza di 14 regioni, tra le quali spicca la Lombardia, con 115 espositori, 95 dei quali targati Bergamo: la rappresentativa locale, come da tradizione, è nettamente la più numerosa. Dietro la truppa orobica, le più rappresentate a livello lombardo sono quelle di Brescia (8 aziende), Milano e Lecco, con 3 imprese a testa. Le altre regioni più presenti sono Piemonte, Puglia e Veneto, con 6 imprese a testa. Tra gli stand anche 5 imprese straniere. 

La Fiera di Sant’Alessandro richiede un notevole sforzo organizzativo, data la presenza anche quest’anno di centinaia di animali all’interno di un contesto che vede la partecipazione di migliaia di famiglie con bambini. Fondamentale in tal senso la collaborazione delle associazioni di categoria e del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria dell’Agenzia di Tutela della Salute (Ats) della provincia di Bergamo, che consente di portare in fiera ed assistere in maniera adeguata e in totale sicurezza gli animali. 

Stiamo parlando principalmente di circa 250 capi di bestiame per il commercio, tra i quali saranno incoronate le attese tre “regine di razza” e di 250 cavalli, coinvolti in gare ed esibizioni, oltre al già citato concorso Purosangue arabo. 

50mila i metri quadrati di superficie totale dedicati alla Fiera di Sant’Alessandro. Ai 15.500 metri quadrati al coperto dei due padiglioni principali (A e B) e della Galleria centrale, si sommano i 34.500 mq in area esterna, 18.500 mq dei quali destinati ad esposizione e area zootecnica, 16.000 mq all’area equitazione.

Merita un capitolo a parte il Concorso internazionale per cavalli purosangue arabo. Lo Show E.C.A.H.O, che richiama in città allevamenti provenienti da molti paesi stranieri, grazie alle dirette streaming seguite sul web in ogni angolo del mondo, rappresenta un evento straordinario per la promozione, anche in chiave turistica, di Bergamo e del suo territorio. Alla sesta edizione, dopo aver conquistato sin dal debutto l’attenzione di importanti allevamenti sparsi in tutto il mondo, viene promosso in categoria B, quella che 

 

precede gli appuntamenti internazionali al top, quali ad esempio i campionati mondiali ed europei. In attesa dei dati definitivi, che si avranno ad agosto con la chiusura delle iscrizioni, ricordiamo che lo scorso anno, seguendo il trend in costante crescita, l’evento aveva registrato il nuovo record di paesi rappresentati: oltre a mezza Europa e una folta rappresentanza dalla Penisola Araba, erano arrivati in Fiera anche allevatori dagli Stati Uniti d’America e da Israele. 

Chiudiamo con il capitolo dei settori merceologici. Per numero di espositori (*sempre alla data del 25 luglio), sul gradino più alto del podio si confermano i “Prodotti tipici e agro-alimentari” (circa il 33% del totale), seguito dalle “Macchine agricole e attrezzature” (oltre il 23%) e dal settore “zootecnia” (oltre il 9% del totale).

DOVE E COSA SI TROVA ALLA FIERA DI SANT’ALESSANDRO

 

Padiglione A 

• Agriturismi • Arredo da giardino e urbano • Associazioni di Categoria • Consorzi di tutela e promozione • Energie alternative e rinnovabili: area Risparmio energetico e sostenibilità • Floricoltura e Florovivaismo • Prodotti agro-alimentari tipici e di qualità • Western Saloon

 

Padiglione B 

• Attrezzature, macchine agricole e da giardinaggio • Attrezzature e macchine per l’edilizia • Editoria tecnica • Prodotti, sistemi e servizi per l’agricoltura moderna e l’orticoltura, la zootecnia e l’equitazione   

 

Galleria Centrale | Foyer Padiglione A  

• Abbigliamento western • Attrezzature e servizi per il benessere per il cavallo • Artigianato etnico • Country Life • Line Dance     

Area Attrezzature | Esterna B

• Arredo urbano e da giardino • Attrezzature e macchine per l’agricoltura moderna, la zootecnia e l’orticoltura • Attrezzature e macchine per l’edilizia • Floricoltura e Florovivaismo • Riscaldamento: stufe, camini, caldaie ed energie alternative • Area Dimostrazione Filiera Bosco|Legno|Energia

Area Zootecnia | Esterna B

• Animali Selezionati: bovini, equini, ovicaprini, suini 

 

Campi Equitazione 

 

• 6ª Purosangue Arabi di Bergamo - Show E.C.A.H.O. categoria B internazionale • Dressage P.S.A. • Monta americana (prova 2x20, gimkana, big pony race) – Aparte Campero •  Spettacoli e battesimo della sella per i più piccoli

In linea con il lavoro dei contadini, che non si ferma mai, anche la FdSA è in continua evoluzione. 

Aggiornamenti e info sul sito della manifestazione: www.fieradisantalessandro.it 

 

 

 

Scheda Sintetica

Fiera di Sant’Alessandro 2018

DA VENERDI’ 31 AGOSTO A DOMENICA 2 SETTEMBRE 

 

Dove 

FIERA DI BERGAMO | VIA LUNGA | BERGAMO

 

Orari di Apertura 

Venerdì: 14.30 – 22.30  -  INAUGURAZIONE UFFICIALE h 15.00

Sabato: 9.00 – 22.30

Domenica: 9.00 - 19.00

 

Biglietti Ingresso 

Venerdì: Ingresso libero gratuito. Parcheggio 3 euro (una tantum)

Sabato e Domenica: Intero 7 euro ‐ Ridotto (dai 12 ai 16 anni e over 65 anni) 5 euro. 

                                     Parcheggio 3 euro (una tantum)

 

Info e Contatti 

fieradisantalessandro@promoberg.it - Tel. 035 3230913 

 

AEFI - Associazione Esposizioni e Fiere italiane

Via Emilia, 155 - 47921 Rimini - Tel: +39 0541-744229 Fax: +39 0541-744512 E-mail: info@aefi.it

P.IVA 03621660962 Copyright Aefi 2003-2018 - Tutti i diritti riservati